Cambiamento demografico da parte dello stato turco nella Siria Nord-Orientale

Innanzi tutto, offriamo una definizione di “cambiamento demografico”. È la trasformazione da una forma di organizzazione sociale a un’altra, e quindi si colloca all’interno delle scienze sociali, e si occupa di problemi, problemi e cambiamenti della società umana.

Riguarda la popolazione e i fattori di crescita e il loro equilibrio qualitativo e quantitativo. Il cambiamento demografico comprende i cambiamenti nelle componenti economiche, sociali e politiche delle società moderne. Include anche la misurazione di determinate caratteristiche della popolazione, come la dimensione della popolazione e la sua distribuzione per tipo di lavoro, industria e area, nonché per appartenenza politica, religiosa o nazionale.

Storicamente in Siria, in particolare dal 1965 al 1976, i gruppi arabi sunniti si stabilirono nella regione settentrionale come parte della politica del governo siriano del partito Baath. Questa regione, un’area di 275 chilometri per 15 chilometri, si estendeva lungo il confine tra Siria e Turchia.

Negli anni ’70, anche i villaggi curdi della Siria settentrionale furono soggetti a imponenti cambiamenti demografici; le loro terre agricole furono stanziate dal regime siriano per darli agli arabi sunniti. Questa politica mirava a rimuovere i curdi dal confine turco-siriano e a formare lì una “cintura umana” araba. Lo stato siriano istituì fattorie collettive per gli arabi nella Siria settentrionale e gli occupanti di queste fattorie, analogamente ad alcune colonie ebraiche, furono addestrati e armati dai militari.

Il regime turco, guidato da Recep Tayyip Erdogan, iniziò a realizzare i suoi piani una volta scoppiata la crisi in Siria, abbracciando le organizzazioni terroristiche (Daesh, Jabhat al-Nusra e il cosiddetto Esercito libero). Sotto gli ordini di Erdogan, fornì a queste organizzazioni riparo, denaro e addestramento militare e fornì loro passaporti per attraversare il confine siriano e combattere il popolo siriano nei modi più atroci proibiti a livello internazionale. Lo schema è iniziato come disegnato da Erdogan nelle aree di al-Bab, Jarablus e Izaz. Durante tutto questo periodo, ciò ha portato a:

  • L’occupazione di una parte della Siria nordoccidentale.
  • L’omicidio di molti civili, compresi bambini, donne e persone anziane, in modi estremi e disumani, e l’uso della violenza sessuale contro la popolazione.
  • Il furto e il saccheggio della proprietà privata.
  • La fornitura di identità turche alle fazioni terroristiche armate di cui sopra.
  • L’insediamento delle famiglie dei terroristi filo-turchi nella Siria nord-occidentale.

Di recente, il 19 gennaio 2018, Erdogan ha continuato la sua politica di occupazione sequestrando più terra e invadendo Afrin nell’estremo nord-ovest della Siria. Ancora una volta, Afrin fu sottoposta all’oppressione del terrorismo e al suo attacco ostile contro la popolazione siriana (curdi, arabi, turkmeni e cristiani). Il regime di Erdogan, con fazioni jihadiste all’interno dei suoi ranghi, occupò la città dopo un feroce confronto con le Unità di difesa popolare (YPG e YPJ) per più di due mesi. Gli stessi processi di pulizia etnica che erano stati sperimentati in tutta la regione furono usati in Afrin. I rapimenti, ad esempio, hanno costretto alcune persone rapite a pagare un riscatto e poi a lasciare Afrin e andare nella città di Manbej o ad est dell’Eufrate, mentre erano sfollati da Ghouta, Homs e Daraa nella regione di Afrin, secondo il piano dello stato turco di ripristinarli permanentemente. Ciò portò al cambiamento nella demografia etnica di Afrin, con arabi e turkmeni insediati, mentre la popolazione curda fu sfollata.

Il nord-est dell’Eufrate è stato quindi preso di mira da Erdogan, che mira a soggiogare e uccidere il popolo siriano, in particolare i curdi, al fine di creare un cambiamento demografico, attraverso la pulizia etnica dei curdi nelle aree vicine al confine. Queste regioni furono amministrate dall’autogestione democratica e dovettero respingere o essere liberate da Daesh. L’autogestione democratica abbraccia tutta l’uguaglianza del popolo siriano per creare pace, sicurezza e convivenza in Siria.

Il 9 ottobre 2019, il regime turco e le fazioni terroristiche a loro fedeli hanno iniziato a invadere tutte le aree ad est dell’Eufrate, a partire dalla città di Malikiyah (Derik) lungo il confine a ovest di Kobani. L’esercito turco ha bombardato le case e i villaggi di civili disarmati con aerei pesanti e artiglieria, mentre allo stesso tempo le loro fazioni terroristiche jihadiste hanno attraversato le strade delle auto civili da Hasaka alla città di Kobani. Il capo del Future Party “Hevrin Khalaf” è stato brutalmente giustiziato il terzo giorno dell’invasione (12 ottobre 2019). Questo video mostra l’esecuzione di “Hefren” da parte di fazioni armate terroristiche: https://youtu.be/lUGviS5WxuQ

È importante ricordare che sotto l’Autonomia democratica queste regioni della Siria settentrionale erano riuscite a consentire la coesistenza di diversi gruppi etnici. Attraverso la leadership politica e la democrazia di base avevano superato le tensioni tra i gruppi etnici sul campo. Con un breve periodo di tempo, hanno formulato un contratto sociale basato sulla filosofia della convivenza, a partire dalla più piccola unità della società (la famiglia) alla più grande che è il sistema amministrativo e politico.

Alcune persone si chiedono come sia riuscito questo progetto sociale e come i curdi, gli arabi, i siriani e altre componenti sociali siano stati in grado di prevenire i tentativi di scontro alla luce del conflitto in corso. Negli ultimi anni, c’era poca stabilità e sicurezza in molte aree della Siria nord-orientale a causa degli attacchi terroristici, ma la sua gente, con il sostegno di tutti i settori della società, è stata in grado di liberarsi e ripristinare la vita con uno spirito di convivenza e fratellanza tra tutti i suoi abitanti e l’istituzione di un sistema amministrativo (l’autogestione democratica) derivante dal cuore di questa cultura inclusiva del nord-est della Siria.

Il piano di Erdogan per costruire 200.000 case e reinsediare i rifugiati nella Siria nord-orientale

Modello predefinito di “Zona sicura”, Fonte (Siria Noor)
Il quotidiano turco (Daily Sabah) ha rivelato i piani di Erdogan di cambiare la demografia della regione, affermando che due milioni di siriani saranno reinsediati in 200.000 case da costruire nella cosiddetta “zona sicura” nella Siria nord-orientale, a un costo che va fino a 27 miliardi di euro. Secondo la fonte, attraverso l’occupazione turca, hanno in programma di cambiare la demografia della regione attraverso:

  • La costruzione di 140 villaggi con una popolazione fino a 5.000 persone ciascuno.
  • L’istituzione di 10 città con una popolazione di 30.000 abitanti ciascuno.
  • Ogni villaggio avrà 1000 case, due moschee, due scuole, un centro giovanile e una palestra. Le case saranno di 100 metri quadrati ciascuna.

Questo è l’ultimo trucco progettato per incoraggiare i rifugiati che non provengono da questa regione a credere che il governo turco fornirà loro alloggi migliori della maggior parte dei turchi. Erdogan ha iniziato questa occupazione con l’intento del cambiamento demografico, proprio come è stato fatto ad Afrin e storicamente in Turchia. Nel definirla una “zona sicura”, la Turchia definisce il processo come dovuto a problemi di sicurezza che le danno il diritto di squarciare parte della Siria, proprio come ha fatto Hitler, il leader nazista tedesco; cogliere per quanto possibile i territori di altri paesi per imporre la sua egemonia sulla regione.

Il presidente dell’AKP e il sovrano della Turchia, con l’autorità che esercita da anni come occupante, parla di una “zona sicura”. Il programma di alloggi per rifugiati, secondo le sue dichiarazioni, è il più grande cambiamento demografico del suo genere nella storia. Questo piano prevede principalmente che la Turchia si prenda un pezzo di terra dalla Siria, come ha fatto in precedenza e pubblicamente; continua nella sua politica espansionista.

La maggior parte dei rifugiati che attualmente risiedono in Turchia provengono da aree come Aleppo, Jarablus, Idlib. La Turchia non vuole che ritornino in aree vicine ai loro ex villaggi e città, ma piuttosto li vuole reinsediare nella Siria nord-orientale, per continuare la politica di turkmenizzazione contro la parte siriana della popolazione.

Questo progetto turco, descritto come “insediamenti”, mostra che la Turchia potrebbe cercare di imitare le politiche di Israele ad al-Golan e Difa al-Garbia, espandendola solo con maggiore ambizione e velocità. Lo stato turco, come lo stato israeliano, ritiene che parte della Siria dovrebbe essere sequestrata per creare una “zona sicura”, proprio come Israele vede le alture del Golan, ma a differenza di Israele, spera di spostarsi tra uno e due milioni di persone per l’area rapidamente e senza ramificazioni internazionali, e di fatto ricevendo sostegno internazionale per la politica.
Il riavvicinamento degli Stati Uniti, coordinato con la Turchia e le forze democratiche siriane per condurre pattuglie congiunte tra eserciti statunitensi e turchi, e il fatto che la Turchia preveda una zona sicura che ospiti un milione di residenti nella regione, costringerà gli Stati Uniti e i suoi partner sul territorio a evacuare e fare spazio al nuovo regime turco.

Il cambiamento demografico con le famiglie di Daesh e altre fazioni terroristiche è tornato nella regione

Lo stato turco, attraverso la sua invasione della Siria nord-orientale, iniziata il 9 ottobre 2019, supportato da fazioni terroristiche come Daesh, ha chiarito la sua intenzione di creare un cambiamento demografico nelle aree liberate dalle forze democratiche siriane “QSD” da parte dell’organizzazione estremista Daesh.

Gli aerei e l’artiglieria dell’esercito turco hanno lanciato un attacco su vasta scala alle aree di controllo dell’SDF nella Siria nord-orientale, dove ci sono migliaia di leader e membri del Daesh nelle carceri, oltre alle decine di migliaia delle loro famiglie nei campi in queste aree.
Lo stato turco sta prendendo di mira specificamente la città di Ras al-Ein (Sri Kaneyh), Tal Abyad (Kre Spey), Qamishlo e Kobani, nonché i villaggi dell’intera striscia di confine nella Siria nord-orientale, che si trova a oltre 450 chilometri in lunghezza.

Queste aree, che erano state liberate da Daesh, sono specificamente prese di mira su ordine del presidente dello stato turco, Erdogan. Queste sono le aree in cui le forze democratiche siriane (SDF) guidate da YPG e YPJ, in collaborazione con la Coalizione internazionale, compresi gli Stati Uniti, hanno fatto grandi sacrifici e undicimila vite sono state perse nella lotta contro Daesh. Con l’invasione della Turchia, queste aree sono passate dall’essere sotto il terrorismo di Daesh ad essere sotto l’aggressione dello stato turco supportata dalle fazioni jihadiste schierate dalla Turchia.

Dopo tutto quello che l’SDF ha dovuto sopportare per eliminare l’organizzazione terroristica Daesh, ora sta affrontando il secondo più grande esercito della NATO (l’esercito turco) e resistendo alle bombe e agli attacchi degli ultimi armamenti e velivoli militari usati dalla Turchia. In una situazione del genere, il riemergere di Daesh è inevitabile e con quei prigionieri di Daesh che sono fuggiti dalla prigione durante gli attacchi dello stato turco, ciò sta già accadendo.

Alcuni membri del Daesh hanno approfittato dell’invasione militare della Turchia per eseguire operazioni terroristiche, come nel seguente video, al momento dell’attentato turco alla prigione di Jerkin nella città di Qamishlo, nel villaggio “Himo”, l’11 ottobre 2019: https://www.facebook.com/594011770651150/posts/2667980593254247/

Inoltre, a Ein Issa, dove alcune famiglie di Daesh sono fuggite dal campo, dopo aver dato fuoco al campo, come mostrato dal seguente video:
https://www.facebook.com/alyaumch/videos/2435726643364147/

Inoltre, il video qui sotto, preparato da Al Arabiya, mostra le idee e i piani dei membri di Daesh: https://www.facebook.com/588565647885123/posts/3140446792696983/

Mustafa Bali, un portavoce delle forze democratiche siriane (SDF), ha avvertito in precedenza: “C’è ancora molto lavoro da fare per impedire il ritorno di Daesh e per mantenere i risultati nella lotta contro di loro.”
Il presidente turco, Erdogan, davanti agli occhi del mondo, difende la sua politica di invasione e occupazione senza alcuna attenzione alle sanzioni o dichiarazioni degli Stati Uniti o dei paesi europei. Il direttore dell’Osservatorio siriano, Sami Abdul Rahman, ha affermato che 69 civili sono stati martirizzati con l’artiglieria turca e le esecuzioni sul campo eseguite dalle forze turche e dai mercenari jihadisti da loro utilizzati. Ci sono 120 civili feriti. La situazione umanitaria degli sfollati interni è estremamente critica senza l’aiuto del resto del mondo. Il numero di sfollati è aumentato a oltre 250 mila. Le forze statunitensi non solo hanno abbandonato le forze democratiche siriane, ma anche i civili che erano protetti dall’SDF. La situazione degli sfollati interni è molto grave e molti di loro non riescono nemmeno a trovare latte per i bambini.

Popolo della città di Ras al-Ein sfollato a seguito di bombardamenti sulla propria città, a nord-est di Al-Hasakah, 10 ottobre 2019

Nel quadro della sua sistematica invasione per cambiare la demografia della regione, l’esercito turco ha preso di mira direttamente un convoglio di civili domenica 13 ottobre 2019, che erano andati nella città di Ras al-Ein (Sari Kaneyh), per esprimere il loro rifiuto dell’invasione. Decine di civili sono stati uccisi e feriti in questo attacco – il video qui sotto è stato ripreso dopo che il convoglio è stato preso di mira:
https://www.youtube.com/watch?time_continue=33&v=Yq98TUFFJNM
https://business.facebook.com/syriahro/videos/886313548436637/

Il convoglio era accompagnato da giornalisti di organizzazioni mediatiche più ampie, protetti da membri delle forze di sicurezza interne “Asayish”, che erano stati presi di mira in modo specifico. Ciò mostra chiaramente la mentalità del regime di Edogan e si aggiunge alle prove che mostrano l’intenzione di Erdogan di sterminare il popolo curdo a tutti i costi.

Le persone di Sari Kaneyh (Ras al-Ein) sono state sfollate dalle loro case

Le forze democratiche siriane hanno avvertito che la guerra con la Turchia li costringerebbe a ridistribuire i combattenti in prima linea per difendere la loro terra e onore. La SDF è stata creata per distogliere l’attenzione dalla battaglia contro Daesh e la sua capacità di impedire la fuga di 11.000 membri di Daesh in prigione è gravemente compromessa.

Foto dei membri terroristici della “Brigata Mu’tasim”

Il cambiamento demografico portato dallo stato turco è evidenziato dai crimini e dagli atti di violazioni perpetrati dai mercenari jihadisti che la Turchia ha dispiegato nell’invasione che ha soprannominato l’operazione “primavera della pace”.

La brigata Al-Mu’tasim che ha schierato in questa invasione ha commesso crimini nella città di Sari Kaneyh (Ras al-Ein). I membri di questo gruppo terroristico hanno sequestrato e occupato le case della popolazione della regione. Hanno scritto dichiarazioni come “riservate” sui muri e sulle porte delle case per dichiarare al resto delle fazioni che sono state prese in modo da evitare conflitti con personaggi del “Fronte di Shamia”, che hanno fatto irruzione e saccheggiato le case abbdandonate a Cri Spey (Tal Abyad). Queste sono case che appartengono alle famiglie armene e cristiane e avevano scritto sulle loro mura “riservate al Fronte di Shamia”. Nelle case di Cri Spey (Tal Abyad) era scritto un testo che diceva “riservato ad Abu Anty”, e nel quartiere armeno “per Alexan”, “per Pankin” e altri. L’Osservatorio siriano ha ottenuto e pubblicato (il 2 novembre 2019) una registrazione audio di questi mercenari jihadisti schierati dallo stato turco, in cui si dice “Siamo stati chiamati prima dell’esercito libero della Siria (FSA), e ora siamo chiamati esercito nazionale siriano (SNA) ma in effetti non meritiamo questi nomi, perché non conosciamo il significato e il valore di questi nomi, inoltre, per le battaglie, il ministro della difesa avrebbe dovuto parlare con il nostro alleato (turco) per chiarire alcuni punti: non interferire nei dettagli delle nostre battaglie, così come i prigionieri nelle battaglie dovrebbero essere i nostri prigionieri. Ad essere sinceri, in questo caso, siamo come mercenari, combattiamo solo senza diritto di parlare, e al più rubiamo la tua famiglia in nome del (bottino).” come mostrato in questo video:

Conclusioni

Lo sfollamento forzato è definito dal diritto internazionale come lo sfratto illegale di un gruppo di individui o residenti da un determinato territorio e costituisce un crimine di guerra e un crimine contro l’umanità. Come metodo di pulizia etnica costituisce un genocidio. L’esercito di occupazione turco, in collaborazione con fazioni terroristiche ad essa fedeli, è quindi colpevole di tutti questi crimini.
Secondo lo Statuto di Roma del Tribunale penale internazionale, la deportazione o lo sfollamento forzato della popolazione, quando commessi nell’ambito di un attacco diffuso o sistematico contro qualsiasi popolazione civile, costituisce un crimine contro l’umanità. L’articolo 49 della Quarta Convenzione di Ginevra del 1949 vieta il trasferimento forzato o di massa di persone o il loro esilio dalle loro aree di residenza verso altre terre, a meno che ciò non sia nel loro interesse e al fine di evitare il rischio di conflitti armati.

L’esercito di occupazione turco sta collaborando con le fazioni terroristiche ad essa fedeli nel ritirarsi dal meccanismo di sicurezza istituito in base all’accordo mediato dagli Stati Uniti, attuato dalle forze democratiche siriane tra Tal Abyad e Ras al-Ein.
Dall’annuncio delle operazioni di combattimento nella Siria nord-orientale, lo stato turco ha attaccato e invaso la regione con l’obiettivo di spostare le popolazioni indigene della regione e consentire ai mercenari provenienti da varie altre province siriane di stabilirsi su quella terra. Lo stato turco ha quindi cercato di modificare la demografia delle aree sotto occupazione militare e di limitare il diritto dei rifugiati a tornare nelle terre da cui erano stati sfollati, un progetto di lunga data (ottomano) in linea con la Milli Charter. Ciò si aggiunge alle pratiche di estorsione in corso in relazione alla tragedia siriana.

Approfittando delle condizioni di emergenza internazionale e del fallimento dell’intervento della comunità internazionale, le forze di occupazione turche hanno lanciato attacchi a numerosi villaggi sicuri, città di confine schivate usando artiglieria e aerei da guerra e mobilitato cellule dormienti piantate dopo la rivolta di Daesh nella regione. Il bombardamento turco indiscriminato di quartieri e villaggi densamente popolati ha provocato una distruzione significativa, tra cui l’uccisione di dozzine di civili, il ferimento di centinaia di altri e lo sfollamento di centinaia di migliaia di cittadini.
È necessario prendere una posizione ferma contro tutte queste operazioni del regime turco, che mirano a imporre cambiamenti demografici sulla regione, con particolare attenzione alle operazioni che interessano aree come Afrin-Bab-Jarablus e Izaz e aree della Siria nord-orientale come Tal Abyad e Ras Al-Ein. La comunità internazionale e le organizzazioni internazionali devono agire seriamente contro l’invasione e l’occupazione del territorio siriano da parte dello Stato turco, che come notato ha alterato la demografia della regione attraverso la violenta espropriazione e lo sfollamento del popolo siriano, un processo che è in corso in città come Afrin.

Dopo aver occupato le aree tra le città di Sari Kaneyh (Ras al-Ein) e Cri Spey (Tal Abyad) nel nord-est della Siria e dopo aver costretto a sfollare con la forza oltre 300.000 civili dalle loro città, paesi e villaggi, distruggendo case, ospedali e infrastrutture vitali, lo stato turco sta ora tentando, in coordinamento con le Nazioni Unite, di spostare popolazioni da altre aree per stabilirsi in loco. Lo scopo è quello di cambiare il carattere demografico e l’identità della regione con il falso pretesto del ritorno dei rifugiati, come sostenuto dal presidente turco, Recep Tayyip Erdogan.

Il silenzio e l’inazione delle Nazioni Unite in relazione a questi crimini e violazioni non fa che incoraggiare lo Stato turco a continuare la sua guerra di aggressione, pulizia etnica e relativi progetti razzisti, che non serviranno né alla futura stabilità e ricostruzione della Siria né all’obiettivo dichiarato delle Nazioni Unite di raggiungere la pace e la sicurezza. Rimaniamo fiduciosi che istituzioni multilaterali come le Nazioni Unite adempiranno alla loro funzione e condanneranno inequivocabilmente questa aggressione criminale da parte dello stato turco, e sproniamo la Turchia a ritirarsi da tutti i territori che ha posto sotto l’occupazione militare e a cessare di impegnarsi in tutti gli altri abusi di diritti umani moralmente indifendibili, in violazione di tutte gli statuti e le alleanze internazionali e quindi illegali ai sensi del diritto internazionale.

I riferimenti
Osservatorio siriano per i diritti umani.
Al-Rasif Site 22.
France24
ANF News
Al-Arabia
Sky News – Arabic
Deutsche Welle 2019 (DW)