ISIS vende reperti storici rubati ad Antep

Dettagli del commercio tra ISIS e aziende turche sono stati svelati nella lettera pubblicata sul sito dell’ONU.

Di seguito parte delle informazioni contenute nella lettera:
“La vendita di reperti storici che ISIS ruba in Siria e Iraq avviene principalmente in Turchia. La città turca di Gaziantep è diventata il più grande centro di commercio illegale del patrimonio culturale. Questi reperti rubati vengono messi all’asta illegalmente e venduti attraverso una rete di negozi di antiquariato e Bakircilar Çarsisi (Bazar degli artigiani del rame, quartiere di Sekeroglu, Via Eski Saray).”

Churkin, affermando che sono emersi nuovi punti di vendita sul confine turco-siriano, prosegue: “La consegna di oggi di grandi dimensioni viene effettuata dalle aziende di trasporto turche come Senocak Nakliyat, Devran Nakliyat, Karahan Nakliyat e Egemen Nakliyat. I reperti rubati vengono portati in altre città turche come Izmir, Mersin e Antalya e in queste città rappresentanti di organizzazioni criminali internazionali falsificano documenti sulla provenienza.”