La polizia turca attacca di nuovo il cimitero di Yeniköy

Le lapidi dei guerriglieri nel cimitero di Yeniköy nel distretto di Baglar ad Amed sono state nuovamente attaccate dalla polizia.

Il regime AKP-MHP aumenta i suoi attacchi ai valori del popolo curdo il quale non si è arreso nonostante tutte le pratiche fasciste.

La direzione della sicurezza di Diyarbakir ha inviato una comunicazione del 19 novembre al Dipartimento dei Servizi Sanitari della Municipalità Metropolitana Direzione Cimiteri, su ordine dell’Ufficio del Procuratore, che chiedeva che “le lapidi con simboli, scritte, citazioni o bandiere/strisce che simboleggiano il PKK o che hanno sopra la parola “martire” devono essere modificate”. Il 20 novembre, sono state modificate le lapidi dei membri delle YPS e YPS-JIN che hanno perso la vita durante il coprifuoco a Sur e dei membri delle YPG e YPJ che hanno perso la vita combattendo contro l’ISIS nel Rojava. Gli operai del cimitero accompagnati dalla polizia hanno rotto le lapidi di marmo bianco con le fotografie dei defunti e le bandiere delle loro organizzazioni. Le pietre con cui le lapidi sono state sostituite riportano solo nomi e date di nascita e morte.

Le famiglie hanno visitato di nuovo le tombe dei loro figli oggi e hanno assistito ad un altro attacco alle lapidi. Hanno detto di aver appreso che le lapidi sono state danneggiate per due giorni e che l’incidente è disumano. La polizia ha graffiato la parola “martire” ei nomi in codice sulle lapidi con macchine a spirale dopo che le pietre erano state riparate a novembre dalle famiglie, e alcune pietre sono state danneggiate.

ATTACCHI NEL 2017
Gli attacchi ai cimiteri nel 2017 sono stati i seguenti:
22 dicembre 2017: il cimitero Garzan nelle aree rurali del villaggio di Yukari Ölek (Oleka Jor) nel centro di Bitlis, che ha 267 tombe di membri del PKK che hanno perso la vita in varie date, è stato completamente demolito dalle macchine edili. Il cimitero era già stato danneggiato nell’agosto 2013 mentre era in costruzione e ancora nel settembre 2015 in una vasta operazione militare. Le macchine da costruzione sono state introdotte dopo che il coprifuoco è stato dichiarato nella regione e il cimitero e la stanza di preghiera sono stati demoliti.

16 febbraio 2017: il Comune di Batman che ha nominato un fiduciario e l’Ufficio del Procuratore di Batman hanno inviato avvisi alle famiglie per abbattere le 23 lapidi nel cimitero di Ikiztepe appartenenti a persone che hanno perso la vita in varie date, tra cui le Madri della Pace Meryem Bulut e Aycan Kaya, che hanno perso la vita nel massacro di Ankara del 10 ottobre. In seguito le lapidi sono state rotte.

21 febbraio 2017: dozzine di poliziotti e veicoli blindati hanno danneggiato le tombe nel cimitero di Yenimahalle, nel distretto di Ipekyolu di Van. La polizia ha danneggiato le tombe dei membri di HPG, YJA-Star, YPG e YPJ e ha tirato via le strisce gialle e rosse e le ha bruciate. “T.C.” (“Repubblica turca”), è stato scritto su molte delle tombe.

7 aprile 2017: su ordine del governatore di Dersim e del fiduciario Osman Kaymak, le tombe di Sancar Buluç e Baran Çetinkaya sono state danneggiate dai soldati nel villaggio di Karabulut (Sürek) nella città di Akpazar (Perî) del distretto Mazgirt di Dersim.

28 aprile 2017: il cimitero nel quartiere Orman del distretto di Hakkari a Yüksekova è stato danneggiato da agenti speciali della polizia. La parola “carogna” è stata riportata sulle lapidi.

5 giugno 2017: in un’operazione avviata il 18 aprile da un gran numero di soldati e guardie del villaggio nella regione di Kato Mountain, nel distretto di Beyratsebap di Sirnak, le tombe dei membri del PKK sono state danneggiate. Le pareti del cimitero del PKK nelle colline di Meydan Kolya sono state abbattute con gli scandaglianti. Le lapidi sono state danneggiate e l’edificio dei visitatori è stato completamente distrutto. Le vicinanze del cimitero sono state bombardate in un attacco aereo il 14 novembre 2015.

12 giugno 2017: il mausoleo costruito per la donna e politica curda, Sakine Cansiz, assassinata a Parigi il 9 gennaio 2013 insieme con Fidan Dogan e Leyla Saylemez, è stato danneggiato. Il mausoleo era stato costruito nel cimitero di Dersim Asri, a 2 km dal centro della città, e aveva un muro alto 3 metri con una fotografia di Cansiz, una stella e ali di colomba. Quando non sono riusciti a estrarre i manufatti di pino montati sul marmo gli assalitori hanno tentato di abbattere le ali della colomba e la stella nell’attacco al mausoleo e ne hanno rotto alcune parti con un oggetto contundente.

Con il conflitto iniziato il 24 luglio 2015, i cimiteri dei guerriglieri delle HPG e YJA-Star nelle aree rurali sono stati bombardati da aerei da caccia e abbattuti con macchine da costruzione. Anche le moschee, il cemevis (luogo di culto degli alevi) e le sale di preghiera nei cimiteri sono state completamente distrutte.