Le giornaliste chiamano ad essere solidali con le reporters sotto processo

La piattaforma Mesopotamian Women Journalists (MKGP) ha pubblicato una dichiarazione di solidarietà per le giornaliste che compariranno in tribunale questa mattina.

“I regimi oppressivi di tutto il mondo stanno prendendo di mira i media, innanzitutto con l’obiettivo di ottenere legittimità agli occhi della società e di rendere il proprio sistema permanente “, si legge nella dichiarazione intitolata ” Giornalismo sotto processo “.

La dichiarazione ha ricordato che la Stampa Libera è in pericolo ed è presa di mira con arresti di giornalisti, impedendogli di fare il ?proprio lavoro.

La piattaforma ha anche sottolineato che in Turchia ci sono almeno 183 giornalisti in carcere. “C’è un altro punto che dovrebbe essere notato – si legge nella dichiarazione – quando parliamo della repressione e silenziamento dei giornalisti. In particolare questa è la situazione nei confronti delle donne. Questa settimana le giornaliste saranno processati a Istanbul e Mus “.

La dichiarazione ha invitato i movimenti delle donne e i democratici a resistere insieme alle giornaliste e portare solidarietà partecipando alle udienze. A Istanbul l’udienza delle giornaliste in carcere dell’Agenzia Etkin News Pinar Gayip e Semiha Sahin e di Reyhan Hacioglu e Hicran Urun, del Libertarian Democratic Newspaper, si terranno lunedì.

La giornalista della Mus Mezopotamya Agency (MA), Seda Taskin, sarà portato a giudizio nell’udienza del 12 settembre a Mus. È già stata in prigione per 8 mesi.