MEM:Inondazione Disastrosa del Tigri – Causata da una Diga Turca

Il Movimento per l’Ecologia della Mesopotamia (MEM) ha criticato il fatto che le attuali politiche statali dello Stato turco mirano a dominare pienamente la natura con approcci ingegneristici e rigidi metodi economici.

Il Movimento per l’ecologia della Mesopotamia e l’iniziativa per mantenere viva Hasankeyf hanno rilasciato una dichiarazione in cui si sostiene che una delle tre porte di scarico della diga di Dicle sul fiume Tigri nel Kurdistan settentrionale si è rotta la sera del 13 dicembre 2018. Da allora il livello dell’acqua in più di 200 km di tratto fluviale a valle è aumentato fino a 6 metri e ha inondato una vasta area di terra lungo il fiume, colpendo centinaia di insediamenti. Fortunatamente non ci sono vittime, ma la distruzione fisica e agricola è enorme e unica negli ultimi decenni.
La dichiarazione del Movimento per l’Ecologia della Mesopotamia e l’iniziativa per mantenere viva Hasankeyf hanno dichiarato quanto segue:

“La diga di Dicle è stata costruita per l’elettricità, l’irrigazione e la fornitura di acqua potabile nel nord della provincia di Diyarbakir, con un’altezza di 75 m e un volume di 595 milioni di m³ ed è in piena attività dal 2000. Il suo serbatoio è stato riempito così tanto dopo lunghe e intense piogge che l’operatore della diga, la società energetica statale EÜAS, ha dovuto attivare lo sfioratore per scaricare l’acqua dal serbatoio della diga. Il risultato dello scoppio di una delle tre porte è il rilascio costante di 1600 m³ al secondo di acqua. Questo continuerà fino a quando il livello dell’acqua nel serbatoio della diga scenderà di 11 metri, cosa prevista per questi giorni.

Considerando che il flusso medio annuale del Tigri in questo tratto fluviale è inferiore a 100 m³ / sec, la dimensione dell’inondazione è più comprensibile.

Prima della costruzione del Dicle e della parte superiore della diga di Kralkizi – anch’essa di grandi dimensioni – il Tigri aveva ogni 10-15 anni una portata così elevata. Le persone lungo il Tigri organizzano corrispondenti dal vivo per queste alluvioni naturali che sono state predisposte con l’operazione di queste due dighe. Dal 2000 le persone hanno iniziato a stabilirsi nelle ex aree di inondazione del fiume Tigri. Poiché sono passate diverse ore dall’informazione da parte delle autorità statali, nessuno è rimasto ucciso a causa dell’alluvione. Purtroppo molte migliaia di persone hanno trascorso la notte fuori con temperature intorno a zero gradi. Tra le aree colpite vi sono anche le parti inferiori degli storici giardini di Hevsel nella città di Diyarbakir, che fa parte del patrimonio mondiale dell’Unesco. Anche il quartiere della città di Dicle, un certo numero di mense nell’area urbana, diverse attività di pesca, oltre 15 banchi di sabbia e altre strutture commerciali sono stati distrutti parzialmente o completamente.

Si presume che a causa della scarsa manutenzione e della mancanza di preparazione del personale della diga, il cancello dello sbarramento della diga sia esploso. Il giorno dopo la camera degli ingegneri civili (IMO) di Diyarbakir ha affermato che questi due aspetti potrebbero aver contribuito principalmente a questo disastro. In questo quadro, ad esempio, le porte devono essere sostituite in tempo, cosa che viene messa in discussione. Nei primi giorni dopo lo scoppio del cancello, il rischio era molto alto che le altre due porte potessero subire la stessa sorte e anche la parte superiore della diga di Kralkizi perché anche la diga di Kralkizi era in piena e le piogge proseguivano il loro corso, per fortuna a un livello basso. L’IMO ha inoltre criticato che il “DSI (Lavori Idrici dello Stato, ente statale responsabile per le politiche idriche) non ha preso le decisioni giuste quando una settimana prima del disastro è iniziata la pioggia. A causa di ragioni economiche, il serbatoio della diga non è stato svuotato in una fase iniziale. Probabilmente si supponeva che la pioggia si sarebbe fermata presto.” A partire dal disastro il sito della diga è controllato dall’esercito e solo pochi dipendenti della DSI sono stati osservati. Solo poche informazioni vengono condivise.

La camera degli ingegneri di geologia (JMO) di Diyarbakir ha rilevato che un problema critico è rappresentato dal fatto che il Tigri si trova nella parte superiore dei 150 km e diversi grandi affluenti sono classificati solo come torrente3. Questo stato significa che nessuna zona a rischio di alluvioni è stata classificata lungo il fiume Tigri che comprende l’area urbana di Diyarbakir. Se fossero stati sviluppati piani di rischio di alluvioni e misure corrispondenti contro gli insediamenti e le altre costruzioni nelle zone umide, migliaia di persone non sarebbero state colpite gravemente. Nella sua dichiarazione del 17 dicembre 2018, il JMO ha proposto un piano su come attuare una politica migliore. È necessario affermare che le organizzazioni professionali come JMO o IMO non sono incluse in alcuna pianificazione o discussione sulle politiche di dighe e acqua.

Il Movimento per l’Ecologia della Mesopotamia (MEM) ha criticato il fatto che le attuali politiche statali mirano a dominare pienamente la natura con approcci ingegneristici e rigidi metodi economici. Inoltre, il MEM ha dichiarato: “Un giorno la natura risponderà, ma in modo duro. Ciò di cui abbiamo bisogno è meno espansivo e più armonico verso la natura. Nei prossimi giorni capiremo meglio la distruzione. Pensiamo che con questa mentalità lo stato sarà fonte di ulteriori disastri. Non abbiamo bisogno di grandi dighe, ma di piccole soluzioni per l’approvvigionamento idrico, sviluppate e gestite da persone locali e che portano a un consumo molto minore. Il Tigri non dovrebbe essere usato per l’elettricità, piuttosto l’ecosistema fluviale ha bisogno di essere rigenerato.”

Il disastro provocato dallo scoppio della porta della diga di Dicle mostra quanto sia problematica e distruttiva la politica delle dighe dello stato turco. Si concentra sulla massima produzione di elettricità e irrigazione senza prendere in considerazione i diritti delle persone alla terra, ai mezzi di sostentamento e ai servizi di base, all’equilibrio e alla diversità degli ecosistemi e del patrimonio culturale (il Tigri all’interno dello stato turco è la fonte dei primi insediamenti umani). Lo Stato costruisce e gestisce dighe e infrastrutture idriche correlate senza alcuna partecipazione e trasparenza.

In questo senso, il caso peggiore è la diga di Ilisu e la centrale idroelettrica del Tigri inferiore in costruzione. Se costruita porterà a gravi conseguenze sociali, culturali, ecologiche e impatti a valle e di conseguenza è una delle dighe più controverse in tutto il mondo. C’è ancora tempo per fermare la costruzione della diga di Ilisu, che equivale alla più alta distruzione lungo 136 km del fiume Tigri e 250 km di affluenti e anche nelle parti del fiume a valle fino al sud dell’Iraq.”